Stop Dance

“STOP DANCE”

Un famoso maestro degli anni ’20, Gurdjeff russo, fece dello STOP una delle tecniche più usate per insegnare ai suoi allievi la presenza, rimanere svegli a se stessi, il qui e ora.

Nella sua comune a Parigi, durante le normali attività quotidiane, in momenti inaspettati, un megafono urlava STOP! Qualsiasi cosa stessero facendo dovevano fermarsi, rimanendo esattamente nella posizione in cui erano al momento dello stop.

Questa tecnica dava la possibilità di rendersi conto se l’attività svolta veniva eseguita meccanicamente e distrattamente con la mente altrove, o se invece l’individuo era presente e consapevole di ciò che stava facendo.

Lo stop poteva durare da qualche minuto a molto di più.

Lo stop è una tecnica molto antica, non è stata creata da Gurdjeff, molti altri maestri l’hanno utilizzata, uno di questi è Osho, ci insegna a stare nel presente.

La STOP DANCE utilizza questa tecnica, la sua durata varia da 1 o 2 ore.

Danza in piena libertà e quando senti STOP anche la musica si fermerà

Rimani lì dove sei, in qualsiasi posizione ti trovi non muoverti fino al ritorno della musica, la durata dello stop varierà, e tu avrai l’occasione di sperimentare la presenza alle tue sensazioni ed emozioni senza giudicare.

Lo STOP è una grande opportunità per conoscerti e ascoltarti ogni volta sempre di più in profondità.

Quando la musica riprende lasciati fluire con il cuore aperto, respira e danza liberamente, la tecnica stessa ti porterà a dissolverti nella danza divenendo la danza stessa, divertiti con il tuo corpo, sperimentati con le diverse musiche senza giudicare ogni tua espressione.

eventi recenti